30/11/2022
Il Frigorifero un elettrodomestico in continua evoluzione

Il Frigorifero: un elettrodomestico in continua evoluzione

Come scegliere il miglior Frigorifero a seconda del modello, delle caratteristiche, del rapporto qualità-prezzo e delle funzionalità?

Come ci ricorda Tekworld, il Frigorifero è l’elettrodomestico per antonomasia, elemento immancabile nelle cucine moderne, si è arricchito, nel corso degli anni, di dettagli tecnologici, funzionalità e particolari estetici i quali fanno sì che, la sua scelta, non sia frutto di considerazioni superficiali ma di un’accurata valutazione che unisca necessità e gusti personali.

Quando si tratta di scegliere un Frigorifero nuovo o di cambiare quello vecchio, i fattori da prendere in considerazione sono quelli che accomunano pressapoco tutti gli elettrodomestici: la classe energetica, la capacità, la rumorosità, il rapporto qualità-prezzo e la riconoscibilità del marchio; in secondo luogo vengono visionati gli aspetti più tecnici e, ovviamente, il modello.

La Guida Pratica alla Green Economy ci suggerisce che la classe energetica viene espressa attraverso le prime lettere dell’alfabeto, ad esse viene aggiunto il simbolo più all’aumentare della riduzione dei consumi. Ad esempio la classe che permette di risparmiare di più in assoluto è l’A.

La capacità definisce la capienza interna, lo spazio massimo espresso in litri; si va da un minimo di 150 litri per un frigo necessario a soddisfare i bisogni di un singolo a oltre 300 litri per famiglie superiori alle quattro unità.

La rumorosità si misura in decibel e va considerata nel caso in cui il frigo sosti in zone molto trafficate e vissute, come le cucine abitabili; si può considerare silenzioso un frigo i cui decibel si aggirano sui 35-40 dBA.

Un focus sulle specifiche tecniche

Esistono poi specifiche tecniche, spesso poco conosciute ma che definiscono una maggiore funzionalità dell’apparecchio e, quindi, una migliore performance anche sulla lunga durata.

Una di queste è il sistema No Frost; il Frigorifero No Frost evita la formazione interna della brina e dell’umidità per cui non va sbrinato periodicamente. Tale risultato è frutto di un sistema di ventole ed evaporatori per la circolazione di un’aria secca che mantiene costante la temperatura.

Se si è alla ricerca del miglior Frigorifero, ci sono altre caratteristiche da tenere in considerazione legate alla performance ma anche al costo dell’elettrodomestico;
di recente introduzione è il sistema multi Air Flow che garantisce una distribuzione dell’aria uniforme, il Dual Cooling che utilizza due circolazioni separate per il comparto frigo e quello freezer e il cassetto a 0° ideale per la conservazione dei cibi suscettibili di un rapido deterioramento come carne o pesce.
Inoltre è possibile scegliere un frigo dotato di un compressore inverter finalizzato ad una maggiore efficienza energetica e di illuminazione LED per una più duratura conservazione degli alimenti.

 

Prima ancora di approfondire le caratteristiche tecniche, in fase di selezione, il marchio è l’aspetto che viene maggiormente preso in considerazione insieme al prezzo.
Tra le case produttrici di Frigoriferi che spiccano per varietà dell’offerta e avanguardia tecnologica non si può non citare Smeg e Liebherr.

Smeg è sicuramente il marchio maggiormente associato ai frigo anche grazie alle linee iconiche e alla reputazione costruita in oltre 70 anni di attività. L’azienda si contraddistingue per la produzione di frigo colorati dallo stile vintage, frigo da incasso variabili nelle dimensioni e nelle funzionalità, ventilazione e staticità, sistema no frost, circuiti di raffreddamento e Frigoriferi a libera installazione o freestanding caratterizzati dalla versatilità, la combinazione di diverse tecnologie e le variabili estetiche.

Il gruppo svizzero Liebherr è un produttore esclusivo di frigo e congelatori; la sua offerta si compone di elettrodomestici dal design pulito e dalle essenziali funzionalità interne. Tra i modelli ci sono i Frigoriferi a posizionamento libero con tecnologia BioFresh salva-freschezza, i Frigoriferi autoportanti, disponibili in diverse misure, con funzionalità per il risparmio energetico, come la Energy Saver e per una più facile disposizione degli alimenti come il Cleaning Mode.

Quale modello scegliere? Combinato, da Incasso o Side-by-Side?

Infine, un focus sui modelli di Frigoriferi; quelli più comuni sono: il frigo a due, tre o quattro porte, quello combinato, il Frigorifero da incasso o il side by side.
La scelta del Frigorifero più adatto deve prendere in considerazione i bisogni della famiglia, il numero dei componenti, la conformità con lo spazio a disposizione.

Per Frigorifero combinato, come si evince dal termine, si intende l’accostamento di due vani, quello frigo e quello freezer mentre il numero delle porte aumenta la dimensione e la capienza.

Un Frigorifero da incasso risulta la soluzione ideale in caso di mancanza di spazio poiché verrà posto all’interno di un mobile da cucina, sparendo alla vista e, la porta, viene ancorata all’anta del mobile. La sua funzionalità è comunque discreta poiché é dotato del vano freezer solitamente posto nella parte inferiore.

Un modello molto in voga negli ultimi anni è il Frigorifero side by side o americano; la caratteristica è l’apertura a due porte, i due scomparti definiscono lo spazio del frigo e quello del freezer. Esistono anche i modelli di Frigorifero French Door, ovvero a quattro porte, decisamente molto grandi quindi non pratici per una cucina domestica.
La scelta di un tale Frigorifero permette di avere a disposizione un’enorme capienza interna tuttavia é necessario che l’ambiente offra altrettanto spazio esterno.
La grandezza del frigo non significa necessariamente maggior dispendio di consumi poiché le tecnologie messe in atto dalle case produttrici li hanno resi al pari dei combinati, da sempre i più energivori.