30/11/2022
Come comportarsi se viene pignorata la propria casa

Come comportarsi se viene pignorata la propria casa

In caso di pignoramento non tutto è perduto

Purtroppo la situazione economica in cui si trova il paese porta sempre più spesso la cronaca ad affrontare temi legati a pignoramenti e aste. C’è però una grande disinformazione relativamente a questo argomento e spesso molte famiglie si trovano con la casa pignorata e non sanno come comportarsi.

In questo articolo vi daremo alcune informazioni relative alle novità per i debitori che hanno la propria casa all’asta. Per prima cosa sappiate che non tutto è perduto. Se la vostra casa venisse pignorata, è possibile intraprendere azioni che possono bloccare il pignoramento immobiliare: qui potrete trovare ulteriori informazioni relative a questo argomento. Il primo consiglio è quello di evitare il cosiddetto “fai da te”: trattandosi di argomenti molto complessi e tecnici, il rischio di fare errori è alto. Inoltre, la posta in gioco è talmente importante che è sempre meglio affidarsi a professionisti specializzati in questo argomento.

Come si arriva al pignoramento della casa

Per prima cosa è importante capire bene quando una casa va all’asta. Il pignoramento è l’azione che viene intrapresa nel momento in cui si hanno debiti e questi non vengono pagati. In questa situazione il creditore (che può essere una banca, un fornitore, l’Agenzia delle Entrate o, più in generale, un qualsiasi creditore) chiede al tribunale di pignorare dei beni in modo che venga garantito il proprio credito.

Se non è possibile pagare i propri debiti, quindi, il creditore chiede che la casa del debitore sia venduta e i soldi ricavati siano utilizzati per saldarli. Non pensiate che vendere la casa per salvarla dal pignoramento possa essere una valida soluzione: se è già presente un’ipoteca o un pignoramento, la legge vieta questa operazione. Il rischio, però, è che l’operazione stessa possa venire invalidata se i soldi ricavati dalla vendita non sono destinati a saldare il debito contratto. Al pignoramento si arriva dopo una lunga trafila che prevede diversi passaggi: si va dalle sollecitazioni bonarie al decreto ingiuntivo. Poi, in caso non si sia ancora pagato il debito, si passa al precetto. Ultimo passo è il pignoramento del bene. (Approfondisci sul sito legge3.it)